Un sogno molto eccitante – Racconti Eros

Un sogno molto eccitante

Avevo preso appuntamento dal mio parrucchiere, un gran bel figo, io finivo il turno alle 22 e mi ha dato l’app. X le 22 15 arrivo in negozio e mi fa accomodare sùkla poltrona lava teste, comincia a bagnarmi i capelli con movimenti lenti e circolari mi massaggia la testa,io mi rilasso chiudendo gli occhi, poi finito mi fa abbondare davanti allo specchio x farmi la messa in piega, comincia ad asciugarmi la testa ad un certo punto si ferma e mi guarda il seno che era in evidenza da una maglietta attillata e un reggiseno molto contenitivo. Mi soffia sul petto e mi scappa da ridere,sapete quella risata leggera, e avevo mangiato la foglia. Lo fisso dallo specchio e gli dico, che se non fa la prima mossa non sarebbe successo niente,non l’avessi mai detto, chiude la porta a chiave, tira la tendina della vetrina e arriva da me. Si mette dietro io ancora seduta, mi palpa il seno, con arroganza. Me lo stringe e lo solleva poi con un gesto mi libera il seno facendolo scavalcare la scollatura a v per palparlo meglio mi stringe i capezzoli tra le dita,mmmm intanto io lo guardavo dallo specchio. China la testa in avanti e lo prende tra le labbra il capezzolo diventa turgido sotto la sua lingua che me lo lecca in circolo, mmmm che sensazione fantastica, io indossavo un mini e x me è stato facile arrivare con la mano là dove la voglia cominciava a bagnarmi, mi alzo la mini fino alla vita, restando seduta, lui dalla sua posizione dietro di me ancora con la bocca sul seno guarda la mano,la mia, accarezzare le mutandine sempre più energicamente. Poi ah lui continua la danza della bocca sulle tette, osserva come infilo il dito tra la stoffa e il clitoride. La voglia intanto dentro di me cresceva, mentre si stacca dal seno mi si para davanti aprendo le mie gambe affonda la testa là per leccarla tutta mentre io gli tiro fuori il cazzo ormai duro x l’eccitazione. Lo accarezzo tutto è bello duro, avrei voluto prenderlo in bocca ma io ero troppo distante x fare il pompino. Lui continua la slinguazzata alla figa entra con la lingua affondando la sua bocca nelle grandi labbra, mi da gemere di piacere, x poi tirarsi sù e mettendosi più vicino xchè la mia bocca possa premerlo. Mmmm lo sento gemere quando gli faccio una leccata luogo il membro eretto, la mia bocca allora si apre per affondare tra le sue gambe e comincia la danza più vecchia del mondo io ogni tanto tiro sù la testa x guardare la sua espressione, mi eccita ancora di più e giù con la bocca sul pene, bagnato molto bagnato mi fa alzare dalla poltrona e mi porta in uno stanzino, il magazzino dietro mi tira sù la mini e si mette dietro x metterlo in figa io con il dito mi tocco il clitoride, lo sento entrare oh sìì mi prende un seno con la mano, e comincia a spingere dentro il cazzone duro sìì ad ogni sbattimento un gemito mi esce dalla bocca ah sì sempre più infondo, così mi sbatte tutta un colpo un’altro e un’altro e un’altro ancora e ancora mentre mi stringe il seno si aggrappa ad esso con tutte e due le mani per dare colpi sempre più profondi io piegata e appoggiata con le mani potevo solo prenderlo in figa dopo l’ennesima spinta ancora più profonda lui viene ancora prima di me, con fare si toglie il pene dalla mia figa x farmelo mangiare finché è ancora duro, in continuo il pompino, si allontana x guardarmi mi chiede se ho voglia di masturbarmi davanti a lui, io allora mi siedo x terra e allargo le gambe e la figa bagnata, infilo due dita in figa…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *