Come una ragazzina a 47 anni

Sei bellissima nel letto ad attendermi, i tuoi lungi capelli neri adagiati sul cuscino in attesa del paradiso. Sembri una leonessa pronta a ruggire e bruciare.

Le tue forme sono perfette, i tuoi immensi seni tra le tue mani e le tue gambe già pronte ad accogliere emozioni infinite. Il tuo sesso è magnifico, liscio come la seta cinese e splendidamente gonfio di un oceano di inferno pronto ad esplodere.

Adagio al mia bocca tra le tue gambe e inizio a gustare avidamente il frutto della tua passione.

Dolcissimo e magico.

Sento la tua clitoride tra mie labbra gonfia e immensa, la succhio, la mangio e la strizzo con le mie labbra. I tuoi gemiti iniziano a farsi incessanti, le mie dita entrano in te a cercare quall’angolo di magia immerso nella tua calda passione. Sei un lago dolcissimo. La mia lingua ora ha attenzione solo per il tuo punto G ormai quasi in splendida mostra, senti le mie dita e la mia lingua, inizi a gridare e stringermi a te tenedomi per i capelli. Una calda fontanella sgorga dal tuo sesso. Ne bevo avidamente come se fosse un’oasi in un rovente deserto.

Ti voglio.

Ti voglio.

Ora voglio farti sentire tutto me stesso.

Voglio prenderti subito con tutto il vigore e la forza possibile.

Sei un lago Mia Regina e il mio cazzo è enorme gonfio.

Ti prendo Mia Regina.

Ora.

Tutto in te, subito, fino a fartelo sentire in gola.

Un grido di dolore esce dalle tue labbra, io ti bacio ad annichilire quella sensazione ma sento che stai impazzendo, che lo vuoi tutto. Ti senti quasi spaccare ma sai che in attimo sarà piacere assoluto.

Inizio a pomparti come non mai, una danza costante e lunghissima detro di te; mi senti a lungo uscire ed entrare sempre più profondo, profondissimo in te. Sento le tue grida e il tuo ansimare sempre più forte e violento. Esco dal tuo sesso e inizio stimolarti con le mie labbra mentre le mie mani strizzano i tuoi immensi seni quasi a farli scoppiare; un caldo getto inonda e riempie la mia bocca e tu gridi al mondo il piacere del tuo orgasmo. Ti bacio con il frutto della tua passione tra le mie labbra e ne beviamo assieme mentre il mio cazzo torna padrone del tuo sesso.

La mia mano continua prendersi cura del tuo seno, e,mentre il mio cazzo ti pompa imperterrito e potente,

senti la mia mano libera accarezzare tua gamba sinistra e salire; ora il mio dito ti cerca. Cerca il tuo ano, lo accarezza mentre il mio cazzo è tutto in te, così profondo da sentirlo quasi uscire dalla tua gola, si Mia Regina il mio dito inizia a farsi strada nel tuo culetto, grodande degli umori dei tuoi orgasmi; lo senti entrare e senti una magica sensazione di pienezza. il mio dito medio è tutto nel tuo ano e con la mano ti stringo a me; quel dito profondissimo nel tuo ano, il cazzo profondo in te che ti pompa frenetico e la mia mano non ti danno vie di fuga: sei mia! Non puoi scappare!

Ti senti gongia, piena, provi una magnifica sensazione e infinite scosse nel sestire quel sottile lembo di carne che separa la tua fika e il tuo ano essere stimolato e coccolato dalle mie dita. Un oragsmo immenso ti prende, ti senti scoppiare e gridi come fossi presa dal demonio ma io non mi fermo. Continuo io tuoi orgasmi diventano frequenti e ormai si susseguono ad un ritmo incessante. Le lenzuola sono un lago, sono intrise di tutto il tuo essere donna. Esco da te e vedo la tua fika splendidamente aperta e spaccata

ti tocco e sento il tuo tuo punto G gonfio e immenso ora è la mia bocca a volerlo!

Ti lecco, senti tutta la mia lingua sbattere sul tuo punto G dentro la tua fika; non riesci più trattenerti e mi riempi la mia bocca della tua calda fontanella incolore, insapore e lunghissima, interminabile!

Ora ancora la mia lingua e le mie dita a non dar tregua al tuo sesso!

Si! La tua estasi arriva in cielo!

Ancora! Si Mia Regina!

Le mie dita e la mia bocca si fermano. Ora senti tutto il mio cazzo in te! Ti senti pompare come mai hai provato in vita tua: 5-6-7-8-9 colpi potentissimi! Esco da te ancora, e, ancora con la mai lingua pronta a bere avidamente quel caldo getto che sgorga tutto tra le mie labbra. Mi fermo e riprendo a pomparti mentre ti bacio e beviamo ancora il succo magico del tuo piacere.

Si Mia Regina è ora… è ora che tu perda la tua verginità come se fossi una ragazzina.

Si!

Lo voglio!

Si!

Lo vogliamo!

Mi fermo, ti bacio e senti la punta del mio pene apppoggiarsi sul tuo ano, cercarlo, quasi provocarlo.

Senti il mio cazzo bagnato di te. È ora che mi prenda la tua verginità. Inizi a sentirlo entrare delicatamente, una sensazione strana ma bellissima, fortissima, senti il tuo anellino tirarsi e arpirsi, si Mia Regina lo senti! Senti qualcosa di grosso appena dentro di te che con tutta la delicatezza del mondo si fa largo in te, lentamente, lo senti entrare ed uscire da te!

Senti scosse e fremiti nuovi, mai provati.

Ogni volta che mi muovo, lo senti sempre più in te, gonfio, grosso ed enorme, le tue grida sono incontenibili, ora ti senti, tirare, aprire, quasi a romperti ma le scosse e i brividi che provi sono sensazioni fortissime.

Provi un incredibile cockatil di piacere e dolore, provi magia!

Ti senti usata ma magnifica, ti senti troia, ti senti terribilmente viva!

Ora lo senti tutto in te, ti senti piena come non mai, gonfia e aperta, il tuo ansimare è rapidissimo e tuoi respiri fortissimi; mi fermo profondo in te ti lascio abituare a quella grossa presenza che si è presa la tua verginità.

Ti senti pienamente donna.

Ha ora inizio inizio la danza più proibita della tua vita.

Ti bacio e ricomincio a muovermi in te profondissimo nel tuo ormai non più vergine. Riprendo a farmi masturbare delicatamente dal tuo ano strettissimo.

Le tue grida sono il canto degli angeli dell’inferno!

Movimenti sempre più lunghi, uscire da te e spingere… Sempre di più. Ogni spinta è un piccolo passo in più dentro di te, piccoli passi tra paradiso e inferno.

Ti piace da impazzire, ti senti piena, ti senti spaccare senza romperti.

Mia Regina, ora sei aperta, voglio farti provare infinito piacere e scosse di dolore!

Il mio cazzo entra ed esce frenetico dal tuo culo, so cosa ti sto regalando, piacere e dolore ma le tua grida, mi dicono che sei in paradiso! Sento i umori sul mio cazzo quando sono quasi tutto fuori di te mentre ti pompo, sento i tuoi orgasmi lubrificare il mio cazzo enerme e gonfio con il tuo dolce nettare, mi senti entrare sempre più profondo in te ma ora il dolore è diventato solo piacere. Il tuo nettare rende tutto dolce, liscio e scorrevole.

È estasi Mia Regina!

Ti pompo frenetico forte e durissimo stringendo le tue gambe al mio cazzo tutto dentro di te, profondissimo dentro il tuo culo!

Ti senti viva come non mai!

Senti il mio cazzo pomparti con un vigore immenso, senti il mio cazzo che da dentro il tuo culo accarezza il tuo punto G! Una sensazione magica bellissima di pienezza che non hai mai provato! Ti sento ancora sgorgare e gridare il tuo immenso piacere, non riesco più a contenermi e ti pompo con tutta la forza che, come se ti volessi portare all’inferno!

Si sono all’estasi!

Si è ora!

Esco da te, avvicino il mio cazzo gonfissimo e pulsante al tuo viso, lo prendi tra le tue labbra e senti un getto bollente inondare la tua bocca! Io grido di infinito piacere e sussulti di passione sgorgano nella tua bocca fino a riempirla!

Mi rilasso e ti bacio e bevo assieme a te il frutto del mio piacere, del piacere che ho provato nel rubare la tua verginità e farti sentire donna come non mai in vita tua!

Ti senti come una ragazzina a 47 anni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *