Il vaccaro

Finalmente in vacanza. Io e mia moglie abbiamo aspettato questi tre giorni nella vecchia casa di
campagna di mio zio, e ora potevamo finalmente goderci un po’ di solitudine e intimità.
L’immersione nella natura ci sembrò subito restituirci vigore e voglia di tenerezze, e spesso ci
addentravamo nel bosco per fare l’amore.
Un giorno, tornando da una escursione, mia moglie si è dovuta fermare per fare pipì, e nonostante
non ci fosse proprio nessuno si è appartata dietro un cespuglio, sottraendosi anche alla mia vista.
Sono rimasto ad aspettare, ma poi, incuriosito, mi sono affacciato lì dove lei si era rannicchiata, e
mi sono accorto che in realtà lei stava facendo pipì, con le mutandine abbassate e il culo ampio e
tondo in bella evidenza, mentre un vaccaro di circa 40 anni la spiava voglioso.
Ne ero sicuro, mia moglie stava facendo finta di niente ma sapeva bene di offrire un grande
spettacolo.
Invece di incazzarmi, ho cominciato ad eccitarmi e avvicinatomi a mia moglie le ho sussurrato:
<>.
Detto fatto, mia moglie si tirò su e come niente fosse cominciò a sollevarsi molto lentamente le
mutandine, ancheggiando vistosamente.
Era un clamoroso invito, e il vaccaro scese di corsa dal montarozzo dove si stava godendo lo
spettacolo e cominciò a frugare mia moglie nelle sue parti intime.
Anch’io stavo godendo da matti, quando poi quello zozzo pretese che mia moglie si mettesse a
pecorina non capivo più niente, era sceso con il suo cane (un pastore tedesco) il quale leccò, al
comando del padrone, il culo di lei.
Una volta ben bagnato, il maiale le sfondò il culo con un cazzo grosso, sozzo e storto che lasciò mia
moglie senza fiato.
Le diceva, in dialetto,
<>, e intanto stantuffava forte.
Siamo venuti tutti e tre insieme: lui urlando come un matto, mia moglie urlando di dolore, io in
silenzio, mentre mi facevo la più grande sega della mia vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *